Smart working: caratteristiche di uno spazio efficiente e comodo in casa

May 22, 2020 by No Comments

È noto quanto l’innovazione mediatica e il progresso tecnologico stiano espandendosi notevolmente ai giorni d’oggi. Ormai tecnologia e quotidianità convivono nella routine degli italiani. Quale esempio migliore se non lo smart working, pratica ormai sempre più diffusa, in cui il doveroso lavoro combacia perfettamente con il comfort di casa.

Avere la possibilità di svolgere il proprio lavoro immersi nella comodità casalinga non può che offrire numerosi vantaggi, come la flessibilità degli orari, la comodità, la libertà di indossare indumenti informali e la possibilità illimitata di personalizzare il proprio luogo di lavoro.

Curare l’aspetto estetico della postazione di lavoro

Avere la libera scelta di personalizzare l’ambiente lavorativo è un’ottima opportunità per sbizzarrirsi con i gusti personali. Certamente l’obiettivo è rendere il tutto quanto più piacevole, al fine di stimolarne anche l’attività produttiva. A differenza di qualche decennio fa, nella maggior parte dei casi, non vi è più un’apposita stanza dedita al lavoro, ma un angolo della casa che funga da salvaspazio, adibito a tale scopo.

Se si desidera un tocco di modernità, è bene dimenticarsi delle vecchie scrivanie da ufficio, in plastica, metalli o altri materiali freddi che possano evidenziare la pressione lavorativa.
È preferibile, invece, una scrivania in legno con venatura visibile, per un adeguato design a cavallo fra modernità e calorosità.

Nella scelta degli attrezzi di lavoro, quali computer o stampanti, è bene considerare dei dispositivi all’avanguardia, che possano permettere di svolgere il lavoro con maggiore fluidità.
Una scelta intuitiva potrebbe essere abbinare il tutto con un bel vaso di fiori colorati che, allo stesso tempo, rilascino un gradevole profumo, come la lavanda, per un perfetto contatto con la natura, che all’interno delle mura domestiche di certo non guasterà.

Per un tocco di classe, si potrebbe considerare la presenza di scaffali sulle mura adiacenti, sui quali adagiare dei dizionari, dei libri rilegati e un orologio antico che doni una splendida sfumatura di vintage.

Ovviamente, la comodità di casa sarà rispecchiata da una poltrona altrettanto confortevole e che favorisca la postura in seguito a diverse ore di lavoro. Si potrebbe considerare una poltrona reclinabile, in tessuto, con imbottitura all’interno e poggiapiedi estendibile.

Qualora si puntasse sull’estetica, si potrebbe accostare alla scrivania una suggestiva sedia in legno d’acero con finitura shabby o una poltrona in legno di mogano, se si preferisce un colore più intenso.

Illuminare la postazione di lavoro

Uno degli aspetti di maggiore rilevanza nella customizzazione del proprio angolo da lavoro è di sicuro l’illuminazione. È importante considerare che, una volta completata la scelta degli utensili, serva necessariamente avere la giusta dose di luce. L’importanza della luce sulla scrivania è determinata da molteplici fattori.
Per esaminarne uno fra tanti, è sufficiente pensare a quanto siano continuamente sottoposti a stress gli occhi a contatto con lo schermo di un computer, in particolar modo in assenza di illuminazione.
Rilevante è anche la luce durante l’uso della tastiera.

La soluzione migliore sarebbe quella di usufruire della luce naturale, la quale stimola il rilassamento dell’apparato muscolare favorendo le abilità cognitive.
Ma come fare nel caso in cui il proprio work corner non fosse posto in prossimità di una luce naturale? O se di notte il cielo non fosse abbastanza luminoso da permettere una vista ottimale? Vi è di certo l’alternativa di una luce artificiale, meglio se a LED, una lampada in linea di arredamento conforme con lo stile già creato. Fra le innumerevoli scelte a disposizione, scegliere la lampada giusta potrebbe risultare un lavoro complesso.

La semplicità delle forme è il trend della modernità attuale, la moda di oggi suggerisce lampade dal design innovativo e dalle forme semplici con materiali principalmente in vetro. Ma qualora si possedesse un istinto contro corrente e si decidesse di optare per una scelta diversa, vi sono a disposizione le vecchie lampade in stile liberty.

D’altro canto, lo stile retrò non passa mai di moda e tutto ciò che viene considerato d’epoca è ancora molto ricercato e sono ancora gettonate le vecchie lampade con cordicella di accensione o quelle classiche con cappello in vetro verde.

Ma per uno smart working degno di tale nome, è bene considerare anche delle scelte altrettanto smart, come le lampade ecosostenibili, realizzate con materiali da riciclo e a basso consumo energetico. Il design è davvero unico nel suo genere e offre una vasta scelta di forme: dalle lampade a forma di corallo a quelle simili a un albero, da quelle con luce rilassante a quelle costruite con cucchiaini da caffè.

Un’opportunità, insomma, da non farsi sfuggire per rispettare l’ambiente con materiale ecocompatibile e un packaging semplice e fascinoso.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *